El Coq – Vicenza

Dove?
Piazza dei Signori, 1, 36100 Vicenza VI
Chef
Lorenzo Cogo
Sala
Stefano Grandis
Artista
Matteo Cibic
Chiusura
Chiuso il lunedì - Orario: 19.30 - 22.30
Info & Prenotazioni
Tel. +39 0444 330681 mail.ristorante@elcoq.com
La Terra del Fuoco

Alice: “Per quanto tempo è per sempre?” Bianconiglio: “A volte, solo un secondo”. (Lewis Carrol)

El Coq. Il tempo scorre alla velocità degli orologi da polso, ma ormai tutti noi li indossiamo digitali. Passiamo il tempo ad ingannare attese, ad attendere treni in ritardo. Violentiamo il progresso alla velocità della luce, trovandoci al polso un nuovo dio. Sintetizziamo le emozioni tramite messaggi, perché il tempo di fermarci non c’è più.  Ma tu lettore scappa via con me, sul notturno di quella sera dove il tempo ha assunto tutto un altro significato. 

Nella città dove l’arte palladiana trascende il chronos della vita, arrivo correndo calpestando i suoi sampietrini con cura per non rovinarla.  Sono una persona a cui arrivare in ritardo, non piace. Ma questa volta, lo sono. Giuro che non è colpa mia. Sono uno a cui piace preparare i piani nei tempi giusti. L’autostrada e quel maledetto camion mi hanno fatto perdere più tempo del previsto. Ed ora sto correndo per arrivare più in fretta che posso.

Sono 10 minuti in ritardo. Giro l’angolo simmetrico della piazza dei Signori, sbattendo il mio minuscolo ego davanti a quello della Basilica del Palladio. Scendo dalla mia corsa solitaria, multata per eccesso di velocità, fermandomi un minuto per prendere fiato. Rimango catturato da quell’opera senza tempo e di rara assuefazione che prende il nome di Basilica Palladiana. Conto alla rovescia da dieci fino a zero e poi di nuovo dall’uno al dieci. Premo reset e sincronizzo il battito cardiaco.

Andiamo?

Andiamo.                                                                                                                                                                                                                      Suono il campanello.                                                                                                                                                                                        Confermo la mia identità.                                                                                                                                                                                  Prendo l’ascensore.                                                                                                                                                                                                Si aprono le porte e il tempo assume tutta un’altra fisionomia.

Sono passati ormai 500 anni dal viaggio del globetrotter Magellano seguito dal fido Antonio Pigafetta, made in Vicenza. 3 anni ed un globo circumnavigato. Il primo.                                                                                                        Mille miglia passate alla scoperta di un nuovo dove.                                                                                                                          Nuda e cruda la Terra che rivela i suoi popoli nascosti. Alieni.                                                                                                    Cambia l’aria e il terreno si presta a diventare fango. Vita.                                                                                                        Una terra di mille fuochi. Caldo.                                                                                                                                                                    Un popolo, una cultura.                                                                                                                                                                                            La terra del fuoco.

Il tavolo coperto da una tovaglia verde acqua. Una lettera in busta e uno strano vaso che mi fissa. Le pareti ed il soffitto effigiate dal genio sregolato di Matteo Cibic, fanno da playground  alla performance gastro-narrativa. In sottofondo, onde gravitazionali, fluttuano il tempo uditivo e bloccano la percezione temporale. Un itinerario scandito dal tempo, che sfrutta l’appeal grafico della scoperta di un nuovo mondo. Una mappa evocativa, un monologo di sguardi ed occhi amnesici.

La terra del fuoco
La Terra del Fuoco
© copyright El Coq

Le antenne della coscienza critica di un giovane cuoco dotato di una sana ambizione e di una grande maturità. Mille miglia attorno al globo, togliendosi la neve danese da dentro gli scarponi, chinando il capo verso i maestri giapponesi e domando il fuoco nella Spagna rivoluzionaria. Lungimiranza, intelligenza e sfrontatezza del nuovo millennio, un prototipo vincente.

La parola futuro rappresenta una declinazione a venire dell’esistere, allo stesso tempo racchiude in sé la radice del passato. Pane, burri e olio. Mangiamo pane, ma lo mangiamo veramente? Addentiamo il pane da prima di Cristo, ma ne dimentichiamo il sapore in fretta. Primitivismo gastronomico. E dunque spazio al pane. Sotto la crosta croccante di una fetta di pane multi cereali si spalmano uno dopo l’altro burri aromatizzati. Pelle di pollo e arancia, foglia di alloro oppure acciuga e cappero. Senza farsi mancare il lardo speziato o il gusto verde dell’olio vicentino spremuto a freddo. Consacrazione di un prodotto divenuto portata. Poi, una giungla urbana nel palato col Cannolo di foglia di vite e semi di pomodoro ed un morso pieno e infuocato alla Tiegella ripieno di chorizo.

pan di spagna all'elicrisio , bernese alla vaniglia e carpaccio di capasanta.
Pan di spagna all’elicrisio , bernese alla vaniglia e carpaccio di capasanta.
© copyright El Coq

Si abbattano i muri gastronomici. Berlino ’89. Sontuosa delicatezza del pan di spagna all’elicrisio sormontato da bernese alla vaniglia e carpaccio di capasanta. Conclusione in doppio avvitamento nel brodo di capasanta e semi di senape. Si passa poi alla zucchina cucuzza, panna cotta alla mandorla, caviale di aringa. Ricerca, complessità e ritmo iodato in un trip orientale di polveri di zucca e wasabi sulla punta della lingua.

Il Giappone irrompe spesso in varie forme. Melting pop avanguardistico con il Chawanmushi, anduja, percebes e aglio orisino. L’armonizzazione di contrasti audaci, espressi in raffinata finezza. Gusti intensi danzano sul palato del mondo. E poi lingua salmistrata, pepe verde, senmaizuke di daikon.  Il sapore viaggia sui binari del vitello tonnato, il pensiero su quello del territorio veneto e la tecnica verso l’oriente.  Impara tutto, dimentica tutto.

Pesca alla brace, Cecina spagnola, ovuli, caviale di storione
Pesca alla brace, Cecina spagnola, ovuli, caviale di storione
© copyright El Coq

Il Pastrami, ribes nero, ceviche di ricciola sintetizza nuovamente l’intreccio di viaggi e vissuto personali, sfruttando un articolato mix di sapidità, acidità e astringenza da capogiro. Così come nell’alchemica progressione degli elementi della Pesca alla brace, Cecina spagnola, ovuli, caviale di storione. Il gusto fruttato della brace primordiale incontra la carnosità della Cecina spagnola, il tutto venendo orchestrato tra terra e acqua salata. Ed infine un caleidoscopico Uovo marinato e affumicato,salsa di jalapeno, cocco e fiori di zucca. Sfruttando il lato estetico dell’assemblaggio dei singoli atomi, i colori fluttuano in una magistrale sinfonia. Un’appagante senso visivo si completa con un eclettico umami gustativo.

Raviolo in saor,sommacco yoghurt aromatizzato alla cannella
Raviolo in saor,sommacco yoghurt aromatizzato alla cannella
© copyright Lorenzo Cogo

Elogio a Nadia Santini ed a una ricetta simbolo del Pescatore quale il raviolo di zucca. Raviolo di rosa canina, keffir, mostarda, zest limone e parmigiano. La traduzione del gusto tradizionale in un morso canino, burroso e poliedrico. L’impatto sul ripieno di rosa canina è forviante, arrivando a dubitare di sé stesso. Il resto è storia. Dai maestri di tradizioni gastronomiche, all’unione di due identità. InFusion. Il Raviolo in saor, sommacco yoghurt aromatizzato alla cannella, è uno dei piatti nati dal’evento cult creato da Cogo stesso. In questo piatto c’è il lato iodato e agrodolce della jam-session veneta che si incontra con il lato speziato della vita turca dello chef Maksut Askardel Neolokal di Istanbul. Dinamismo palatale, tra esplosività di sapori già noti mixati alla retroattività di profumi seducenti.

Sapori audaci lasciati fluire da ogni bon ton della cucina classica. Piccione ‘allo spiedo’, oca del Perù, purea di finferlo e cumino.Un passaggio prolungato evitando ferrosità sanguinolenta tra le gengive. L’equilibrio degli elementi senza intaccarsi l’un l’altro, dando spazio ad un dialogo terrigeno magnetico. C’è ancora spazio per un’ultima portata salata. Il Cannolo di foie gras, tartar di cinghialetto, carota e kumquat. Si parla di Francia, Italia o Cina?Non c’è distinzione, in questo boccone si esprimono propulsioni di succhi salivari, stimolati da note agrumate e goliardia viscerali.

 Stecco gelato
Stecco gelato
© copyright El Coq

Si concede fiato al palato, ma mantenendolo sempre in allerta. Stecco gelato. Iperbolico asse tra salato e dolce attraverso un agglomerato urbano di gorgonzola e cioccolato. Granitica realtà attraverso il gelato ai frutti rossi,cremoso al cocco e granita al cardamomo. Brividi di pelle scorrono per tutto il corpo, in cerca di un riparo ardente. Un lasciapassare verso i paesi più freddi tra basse temperature e profumi di bosco. Si conclude il viaggio attraverso un Waffle alla carruba, sciroppo d’acero, cioccolato e caramello di melanzana. Ennesima rappresentazione della maturità, capacità e qualsivoglia altro aggettivo da attribuire al cuoco che ora è Lorenzo. Il geometrico mini waffle si macchia della viscosità tipica dei diner americani attraverso innesti dolci e amaricanti in versione gourmet.

Si rateizzano gli addii attraverso bocconcini mignon di piccola pasticceria. Dalla fresca cheesecake di mandorle more,alla proustiana madelaine al peperone e bagna al rosolio. Si riprende con il delicato cannolo con crema alla violetta e polvere di cappero, per terminare con una friabile tartelletta al riso latte con crema al radicchio.

La Luna dopo un paio di ore, timbra il cartellino sulla Basilica del Palladio. Bellezza senza tempo.                          Esco da El Coq e raggruppo le idee.

Lorenzo in questi anni non si è preso solo il centro di Vicenza, ma anche il centro del mondo. Con l’artista Matteo Cibic ha messo in atto la loro circumnavigazione del globo attraverso un duetto artistico emozionante. Lorenzo, grazie a questo menù, mette in mostra la sua capacità di pensiero prima ancora dell’esecuzione. Un Cogo sempre più maturo e figlio di un mondo che lo ha accolto ovunque. Un ristorante che vale il solo viaggio.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *